Varie: L'uomo che ha portato il Make-Up a Hollywood

venerdì, maggio 27, 2016

L'idea per questo post mi è venuta quando stavo cercando immagini di Elizabeth Taylor e ne ho trovata una in cui pubblicizzava dei rossetti per il marchio Max Factor. Allora ho iniziato a cercare articoli e foto di pubblicità realizzate dalle Dive della vecchia Hollywood e sono rimasta colpita da dalla storia di questo marchio e di quanto il suo fondatore abbia influenzato la storia del Cinema Americano. 
Maksymilian Faktorowicz "Max Factor" e il suo salone a Hollywood


Maksymilian Faktorowicz nasce nel 1872 in Polonia e fin da piccolo è affascinato dal mondo dell'estetica, infatti già a 9 anni diventa l'apprendista prima di un farmacista e poi di un fabbricante di parrucche e cosmetici. Poi inizia a lavorare presso il parrucchiere Anton di Berlino e a soli 14 anni viene preso a lavorare alla Imperial Grand Opera di Mosca dove si occupa di trucco e parrucco. A 22 anni  apre un proprio negozio nel quale vende fragranze, rouge (che erano piccoli astucci contenenti blush, pennello e specchietto) e creme, dal quale si rifornisce una compagnia teatrale itinerante che gli fa una grandissima pubblicità che lo fa notare dall'aristocrazia russa facendolo diventare l'esperto di cosmetica ufficiale della Famiglia Reale. Nel 1904 temendo per la propria vita e quella della sua famiglia a causa delle persecuzioni degli ebrei, emigra negli Stati Uniti nel 1904, ed al suo arrivo ad Ellis Island il suo cognome viene accorciato in Factor.
L'inizio  tutt'altro che facile in quanto si stabiliscono a St. Louis in Missouri dove quell'anno si tiene l'Esposizione Internazionale alla quale vende i propri prodotti col marchio Max Factor, però il suo socio se ne scappa con i prodotti e i soldi guadagnati, e Max è costretto a ricominciare daccapo aprendo un piccolo negozio di barbiere.
Nel 1908, rimasto nel frattempo vedovo e risposatosi, si trasferisce con la famiglia a Los Angeles sperando di poter collaborare con i teatri e gli Studi cinematografici di Hollywood vista la crescente domanda di parrucche e trucchi di scena.

L'anno seguente,  dopo aver visto che il trucco usato a teatro non andava bene davanti alla cinepresa in quanto trasformava il viso degli attori in una maschera immobile, gli viene l'idea di creare il cerone Flexible Greasepaint, un prodotto in crema che permette agli attori di apparire al meglio in modo naturale, in 12 tonalità diverse che non si secca e non crea crepe.
Nel '18 introduce per primo il principio del Colour Harmony (termine usato ancora oggi) secondo il quale le nuance dei make-up vanno coordinate con i colori naturali delle donne considerando carnagione, occhi e capelli. 
Jean Harlow e Rita Hayworth pubblicizzano il nuovo metodo del Color Harmony
Negli anni '20 Max Factor porta nei negozi il Society Make-up, un espositore che contiene tutta la sua collezione e che permette alle donne di acquistarla per imitare il look delle star del cinema, segnando la nascita dell'industria cosmetica.
E' lui ad inventare il termine Make up per indicare i propri prodotti, che fino a quel momento si chiamavano semplicemente Cosmetici.
Nel 1928 lancia il Lip pomade, lucido per labbra, che in seguito verrà chiamato Gloss.
Max Factor crea i look di alcune delle più famose dive dell'epoca, Jean Harlow, Marlene Dietrich e Ava Gardner.
Marlene Dietrich e Ava Gardner
Max Factor che trucca Jean Harlow e Bette Davis

Nel 1929 l'Academy Award gli assegna un Oscar onorario per il suo contributo all'Industria del cinema e al numero 6922 di Hollywood Boulevard gli viene assegnata una stella sulla famosa Walk of Fame.
Nel '34 Max Factor inventa il Beauty Calibrator, una marchingegno per misurare al millimetro le dimensioni della struttura facciale, in modo da poter elaborare il trucco migliore per ogni volto.

L'attrezzo originale oggi è esposto all'Hollywood Museum.

Nel 1935 inventa un altro prodotto rivoluzionario, il primo fondotinta lanciato sul mercato, il Pan-Cake, che deve il suo nome alla forma compatta del suo astuccio che ricorda appunto un pancake (frittella tipica della colazione americana), contenente il fondotinta compatto in polvere e l'applicatore a piumino. Studiato per le esigenze della nuova tecnica cinematografica del Technicolor, in quanto con i film in bianco e nero, il makeup correttivo fino a quel momento utilizzato per rendere meglio sul grande schermo in realtà dava agli attori un colorito bluastro o marrone. Con i film a colori questo non sarebbe più stato possibile, così Max Factor elabora questo prodotto che è compatibile con le specifiche richieste del Techicolor e che piace così tanto alle attrici che iniziano a portarselo a casa in quanto era un prodotto che regalava un incarnato perfetto anche alla luce naturale. Così Max Factor, che ne realizza 20 tonalità, decide di venderlo al pubblico ricorrendo proprio alle grandi dive di Hollywood che fanno da Testimonial.  
Ginger Rogers, Lana Turner e Joan Crawford
Claudette Colbert, Merle Oberon e Irene Dunne
Loretta Young, Judy Garland e Lucille Ball

Max Factor muore nel 1938 ed è il figlio Max Factor Junior che porta avanti l'impresa: negli anni Quaranta sviluppa il rossetto Tru-Color che offre una lunga tenuta senza tuttavia irritare la pelle. Per misurarne l'effetto il rossetto viene testato sulla Kissing Machine, un macchinario in grado di emulare il bacio umano in quanto aveva un paio di labbra artificiali sulle quali si applicava il prodotto e con una pressione si poteva testare la tenuta.
La Kissing Machine
Elizabeth Taylor, Judy Garland e Lucille Ball
Grace Kelly e Rita Hayworth
Elizabeth Taylor
Max Factor è anche tra i primi a produrre una terra abbronzante e ad utilizzare la cipria per le pelli grasse tamponandola sul viso e togliendo l'eccesso con una spazzola morbida
Linda Darnell pubblicizza la terra tropic tan e Barbara Stanwyck la cipria opacizzante.
Video realizzato dalla Max Factor per celebrare la loro storia.

1935 - Seduta di trucco in cui Max Factor trucca una modella come l'attrice Claudette Colbert.

Anche se non era direttamente con Max Factor, però non potevo non condividere questi video  che avevo messo qualche giorno fa sulla pagina facebook (ah, se non l'avete già fatto potete mettere Mi piace per vedere tanti altri contenuti e per restare aggiornati sui post che vengono pubblicati, qui c'è il link).

Il primo è degli anni '30 sulla Beauty Routine dell'attrice Constance Bennett (la suocera in Madame X con Lana Turner di cui ho parlato qui

E il secondo è su Elizabeth Taylor che si trucca gli occhi.


You Might Also Like

0 commenti