Full-immersion: Lana Turner pt. 2 I film noir

martedì, aprile 26, 2016

Ed eccoci con la seconda parte della full-immersion dedicata alla straordinaria Lana Turner (qui trovate la prima).

1) Il postino suona sempre due volte
Il titolo originale è The postman always rings twice ed è un film del 1946 diretto dal regista Tay Garnett con protagonisti Lana Turner e John Garfield.
Trailer originale:

La trama in breve: Frank Chalmers è un uomo con la "febbre della strada" ovvero non riesce a rimanere mai nello stesso luogo per troppo tempo. Si ferma davanti al locale Two Oaks che cerca un aiutante e decide di proporsi per il lavoro. Ad accoglierlo è il proprietario Nick, un uomo di mezza età, insieme ad una donna più giovane e molto bella che attira l'attenzione di Frank, che invogliato accetta il lavoro, salvo poi scoprire che la donna è Cora, la moglie di Nick. Cora si sente intrappolata in una vita che non la soddisfa e così cede alla passione per Frank. I due decidono di fuggire ma Cora rendendosi conto della povertà a cui andrebbe incontro decide di tornare sui suoi passi. Uno scampato incidente a Nick fa venire in mente ai due amanti di provocare un vero incidente al marito di lei.
Alcune scene del film



Tratto dal romanzo omonimo di James M. Cain del 1934, di cui il regista italiano Luchino Visconti nel '43 fece un primo riadattamento (anche se non accreditato) nel film Ossessione, Il postino suona sempre due volte rappresenta il primo tentativo nella direzione del genere noir per lo Studio MGM. Il romanzo di Cain era stato rifiutato da ben 13 editori a causa del suo contenuto scandaloso, ma la moglie di Alfred A. Knopf lo convinse a pubblicarlo facendolo diventare un best seller.
Il film rappresenta una svolta nell'eterna battaglia tra i registi e la censura. Il Codice di Produzione (Codice Hays di cui ho parlato qui) aveva tenuto il romanzo di Cain lontano dal grande schermo per 12 anni, ma nel 1946 decide finalmente di dare la sua approvazione alla realizzazione del film nonostante le scene d'amore molto provocanti per l'epoca. La censura decise di accettare la sceneggiatura a patto che fosse enfatizzata la colpa dei due amanti e soprattutto la loro impossibilità di vivere in pace. 

Per la parte di Cora, la MGM decide di scritturare una delle attrici di punta della sua scuderia, Lana Turner, anche se questa era dubbiosa in quanto il pubblico era abituato a vederli in ruoli più leggeri, e temeva reagisse male alla sua svolta drammatica, in quanto sarebbe stato il primo ruolo drammatico serio, da femme fatale. E' stato Louis Meyer in persona a convincere la Turner che sarebbe stata un'ottima occasione per dimostrare il suo talento. Inoltre l'entrata in scena di Cora rappresenta una delle più belle e famose della storia del cinema (più in basso trovate il video). Poichè al momento delle riprese del film il truccatore personale, nonchè amico, di Lana Del Armstrong era stato chiamato nell'esercito, decise di farsi insegnare da lui, prima che partisse, come truccarsi da sola, cosa che fece. Il regista Garnett cercò di smorzare un po' dell'erotismo delle pagine del romanzo di Cain facendo vestire la Turner quasi sempre in bianco, ma non raggiunse lo scopo in quanto anche il semplice bianco finì per esaltare la bellezza e il fascino dell'attrice. L'outfit di Lana Turner con gli shorts e l'ombelico in mostra, considerato molto audace, segna un trend nella moda femminile dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. A realizzare i costumi del film è la designer Irene Lentz (famosa per aver realizzato gli abiti di diversi film di Ginger Rogers come Carioca, Voglio danzar con te, Situazione imbarazzante e i Barkleys di Broadways).
Cain rimase così colpito dalla performance di Lana Tarner che le regalò una copia del suo libro con una copertina in pelle su cui aveva fatto incidere un ringraziamento per l'interpretazione del suo personaggio Cora.


La MGM prende in prestito Garfield dalla Warner Bros, che lavorava nel cinema dagli anni 30, e che avendo spesso interpretato ruoli da ribelle, era il candidato perfetto per interpretare Frank Chalmers.

 
A completare il cast furono scritturati il caratterista inglese Cecil Kellaway per interpretare il marito di Cora, Nick (che aveva interpretato nel '42 Ho sposato una strega con Veronica Lake e che vestirà i panni di Monsignor Ryan in Indovina chi viene a cena nel 1967 con Katherine Hepburn e Spencer Tracy) preso in prestito dalla Paramount; Hume Cronyn è Arthur Keats lo scaltro avvocato di Cora, e si trova a fronteggiare il sospettoso procuratore Kyle Sackett interpretato da Leon Ames (che nel 1944 è stato il capofamiglia in Incontriamoci a Saint Louis di cui ho parlato qui e che nel 1949 sarà il padre in Piccole donne che trovate qui). Infine a interpretare il collaboratore di Keats, Ezra Kennedy, è l'attore Alan Reed attore e doppiatore americano che ha dato la voce al personaggio di Fred Flinstones degli Antenati.
Kellaway, Cronyn, Ames e Reed.
Alcune foto scattate sul set del film

Nel 1981 viene realizzata una nuova versione del film, con Jack Nicholson e Jessica Lange.

QUOTES:
Cora: Peccato che Nick abbia preso l'auto
Frank: Anche se l'avesse lasciata non l'avremmo toccata. A meno che tu non voglia passare la prima notte in prigione. Portar via la moglie ad un uomo non è niente, ma rubargli la macchina è un reato.


Cora: Non fare commedie. Ti da fastidio avere cervello?  A me da fastidio star qui ad aspettare un passaggio che mi riporta a dove ho ricominciato.


Frank a Madge Gorland: Con il mio cervello e la sua bellezza possiamo fare tanta strada.

Frank: E' come quando stai aspettando una lettera che non vedi l'ora di ricevere. Fai su e giu davanti alla porta per paura di non sentire il postino. Non tieni conto che il postino suona sempre due volte.
Sackett: Che vuol dire?
Frank: Cha ha suonato due volte per Cora, era suona la seconda volta per me, non vede?
Sackett: E' così più o meno.
Frank: La verità è che lo senti sempre quando suona la seconda volta, anche se sei nel cortile in quel momento

CLIP:


  L'entrata in scena di Lana Turner



2) Madame X
E' un film del 1966, diretto da David Rich con protagonisti Lana Turner, John Forsythe, Ricardo Montalban e Costance Bennett.
Trailer originale:

La trama in breve: Holly sposa il ricco Clay Anderson e si trasferisce nella casa dove lui vive con la madre Estelle. I primi anni di matrimonio passano felici con i successi nel lavoro per Clay e la nascita del loro bambino. Quando le assenze del marito si fanno sempre più frequenti, Holly cede al corteggiamento di Phil Benton. Quando il marito rientra e vuole iniziare una nuova vita con la moglie e il figlio a Washington, Holly si reca dall'amante per troncare la relazione ma viene coinvolta nella morte accidentale dell'uomo. A quel punto si fa avanti la suocera che l'aveva fatta pedinare e la intima di sparire nel nulla, per evitare uno scandalo al marito e al figlio; la donna le organizza che Holly sarà dispersa in mare dopo un viaggio in nave, e in cambio le fornisce soldi, protezione e nuove identità da cambiare continuamente. Con l'aiuto degli alcolici e frequentando occasionalmente uomini si imbatte in un uomo che scoperto il suo passato la ricatta. 

Il film è tratto dall'opera teatrale La Femme X di Alexandre Bisson del 1908.
Nel 1962 Lana Turner, che aveva costituito una propria casa di produzione, acquista i diritti per Madame X dalla MGM e decide di realizzare il film in co-produzione con Ross Hunter (che aveva prodotto vari film di successo come Il letto racconta con Doris Day e Rock Hudson, nonchè Lo specchio della vita sempre con Lana Turner). E' stato molto difficile realizzare una sceneggiatura, ci vollero addirittura 3 anni. Hunter avrebbe voluto Douglas Sirk come regista, ma quest'ultimo versava in critiche condizioni di salute, così si optò per David Lowell RIch, un regista di film per la televisione.
Per la Turner significò uno sforzo notevole dal punto di vista recitativo, in quanto doveva passare da una sposina 30enne ad un'alcolizzata di 55 anni.  Nella prima parte del film indossa sontuosi abiti realizzati dallo stilista Jean Louis, e parure di gioielli. Man mano che la trama prende la piega drammatica anche l'aspetto della Turner doveva rifletterlo, e non ne fu particoalrmente contenta. Spesso la si sentiva discutere con il suo truccatore che la preparava per le scene dove doveva essere invecchiata, al punto che l'attrice volle indossare un velo che le coprisse il volto durante le pause delle riprese.
Il maniero della famiglia Anderson, è una casa in stile gotico-Tudor che si trova al numero 10236 Charing Cross Road a Los Angeles in California, ed è famosa per essere diventata 6 anni più tardi la  sede della rivista Playboy fondata da Hugh Hefner.

L'attrice Constance Bennett, che qui interpreta la perfida suocera Estelle, in seguito ad un'emorragia cerebrale che la colpisce poco dopo la fine delle riprese, muore il 24 luglio del 1965, all'età di 60 anni. Per questa ragione l'uscita del film fu posticipata all'anno successivo.

Il film non riscosse molto successo al botteghino, ma rimase per Lana Turner quello di cui andò più fiera.
Foto sul set e alla prima del film


QUOTES:
Clay: Cara, io sono così vicino dall'ottenere quello che voglio.
Holly: E cos'è che vuoi?
Clay: Conosci la vecchia malattia di famiglia. La febbre di Washington.
Holly: Ma se vuoi Washington perchè vai nel Nord Africa?
Clay: Perchè posso mettermi in evidenza in posti come il Nord Africa. Sistemare grane è il miglior modo di farsi notare dalla gente importante.

Estelle: Non puoi annullare tutti i tuoi impegni perchè lui non c'è.
Holly: Mi manca molto.
Estelle: Gli Anderson sono uomini ambiziosi. Niente può cambiarli e niente deve fermarli. Le moglie degli Anderson devono imparare ad aspettare.

Estelle: E' inutile che io continui a fingere. Sei sempre stata una palla al piede da quando sei entrata qui.
Holly: Ma come?
Estelle: E a che scopo? Non è colpa tua se non sei quel che non sei.  Il tuo compito era superiore alle tue forze. Non potevi farcela come non puoi farcela adesso. Sei ancora una piccola cassiera di San Francisco, dovevi restare dall'altra parte del bancone. 

Christian: Fra un'ora devo essere sul palcoscenico, pensi che sarà a posto per allora?
Holly: Non ne sono certa! Se un uomo non riesce a farselo dal verso giusto, come vuoi che una donna glielo faccia dal rovescio. (Lui ride). Oh, non muovere il collo.
Christian: Lo sai che ti adoro? Sono pazzo di te. Pr te farei qualsiasi cosa al mondo.
Holly: Anche annodarti la cravatta?
Christian: Messa su queste basi non posso rifiutarmi.

Dan: Ti comprerò qualche vestito e ti farò tingere i capelli di un colore credibile. Diventerai rispettabile.
Holly: La strada tra me e la rispettabilità è cosparsa di cocci di bottiglia.

Holly: Va bene, giocherò qualche mano con te, ma ti avverto: se vuoi giocare contro di me, rinunciaci.
Dan: Cos'è che ti fa tanto sospettosa?
Holly: L'esperienza, amico.

Dan: Continua a bere, mi piaci più da ubriaca che da sobria.
Holly: Anche a me il mondo piace di più da ubriaca. Così dimentico che è pieno di vermi.

Holly: I momenti d'amore sono i soli che contino. I momenti d'amore illuminano e spariscono.

Clayton Jr.: La prego, mi faccia chiamare suo figlio. 
Holly: No.
Clayton Jr.: Ma se fossi suo figlio io vorrei sapere. Non prenda decisioni al posto suo.
Holly: E' l'unica prerogativa della maternità che ancora possiedo. Lui è libero dei miei peccati.
Clayton Jr.: Suo figlio dovrebbe essere qui.
Holly: Ci sei tu.

CLIP:
  

You Might Also Like

0 commenti